Villa Luigi Faccanoni l' interno

Header Content Region

Insert text, image or banner ads here, or just delete this text and leave this area blank!

portfolio1 portfolio2 portfolio3 portfolio4 portfolio5 portfolio6 portfolio7 portfolio8 portfolio9 portfolio10 portfolio11 portfolio12 portfolio13 portfolio14 portfolio15 portfolio16 portfolio17 portfolio18 portfolio19

Particolare degli ornamenti delle pareti, ricostruiti recentemente sul disegno originario.

Il camino.

Il soffitto della sala di destra.

Il grande scalone centrale, tipico delle ville Liberty.

Il grande salone d' ingresso: insieme al camino, gli infissi sono gli unici pezzi originali rimasti.

Particolare dello scalone centrale: i ferri battuti, anche qui, sono del Mazzucotelli.

small portfolio1 small portfolio2 small portfolio3 small portfolio4
themed object
Isa De Luca - Giuseppe Faccanoni

get in touch

Villa Luigi Faccanoni, poi Bortolotti, ora Surre (1912)

Interno 

Sommaruga progettò anche gli interni della villa: risaltano le grandi scale in ferro battuto del Mazzucotelli, collocate in posizione centrale e illuminate da ampi finestroni (come nella villa Giuseppe Faccanoni 1907). Questa grande villa, con le sue 34 stanze, è un esempio di fastosa dimora borghese.Al piano principale una sequenza di stanze conserva serramenti e decorazioni originali; la distribuzione interna, forse vincolata alle esigenze del committente, non ha il libero snodo della villa Giuseppe Faccanoni (1907). Nel luglio del 1957 è uscito un articolo su "Rivista di Bergamo" sulle cantine Faccanoni costruite sotto la villa con l'ingresso nella grotta.I vini prodotti e messi in commercio dal figlio Giuy Faccanoni erano due: il "Chiarello del Lago d'Iseo" e il "Bianco di Villa Surre". Erano poche bottiglie, ma veramente scelte e squisite. Gli impianti erano modernissimi per quell 'epoca. imbottigliavano 3.500 bottiglie l'ora e volevano arrivare a 8.500.L'aspirazione di Giusy Faccanoni era di raccogliere li tutto il prodotto dei viticultori della zona e lanciarlo come tipo unico, il vino tipico della Valcalepio. Purtroppo è finito nel niente, perché i vigneti locali, dove da secoli si produceva il buon "Predorino" furono estirpati per far posto alla speculazione edilizia.Attualmente la villa, sia all'esterno che all'interno, è in perfetto stato di conservazione, grazie agli importanti interventi di restauro degli attuali proprietari.

In " Faccanoni" di A. Giorni Predore 1995 - In " G.Sommaruga" di E.fìairati - D.RìiHi Ed. Mazzotta, Milano 1982

In "Samico"a cura di A. Vaini Sarnico 1986

 

slide up button